Adattatori per giochi e giocattoli: migliori prodotti di Settembre 2021, prezzi, recensioni

In questo articolo andremo a descrivere tutte le operazioni necessarie che consentono di adattare un comune giocattolo dal funzionamento a batteria, rendendolo accessibili all’uso a bambini con limitazioni psicofisiche  ponendo un accento particolare ai passaggi utili per collegare un cavo adattatore a qualsiasi tipologia di giocattolo a batteria con un sensore. L’utilizzo del sensore permette a chi utilizza il giocattolo in questione di non disporre dell’uso della corrente, evitando alcune problematiche che ne potrebbero derivare.

Come costruire fai-da-te un cavo adattatore per giocattoli

I materiali e gli attrezzi necessari per costruire questo cavetto sono la batteria e come abbiamo detto, il sensore:

  • un cavo microfonico da due poli
  • utilizzo di un piccolo jack audio simili a quelli utilizzati dagli auricolari
  • infine disporre di una basetta di rame utilizzabile per circuiti elettronici, questo potrebbe essere il materiale più difficile da reperire, motivo per il quale è molto consigliato di rivolgersi a venditori specializzati.

Inoltre ci sono molti altri strumenti adatti per questo tipo di lavoro, strumenti ovviamente non tecnici ma comunque indispensabili come ad esempio:

  • un paio di forbici, meglio utilizzare quelle da lavoro;
  • un morsetto da tavolo;
  • saldatore;
  • un seghetto ad arco, in particolare quello per ferro.

Il primo passaggio che bisogna compiere è quello di tagliare il cavo a seconda della lunghezza che si vuole valutando anche la postura del bambino. Procedere poi dividendo in due parti uguali il cavo elettrico distinguendone le due estremità.

Il prossimo passaggio è tra i più delicati e bisogna fare molta attenzione oltre che precisione a livello manuale, procediamo quindi svitando la capsula del mini jack facendo attenzione a separare le parti che lo compongono. Fatto questo proseguire inserendo il cavetto.

È bene eliminare la guaina del cavo che esce fuori dalla capsula attorcigliando gli appositi filamenti di rame. Ora avremo il cavetto diviso in due parti, da due capi, quello che bisogna fare è dunque inserire uno dei due capi del cavo all’interno di uno dei piccoli fori presenti all’interno del jack .

Passando poi dalla parte opposta del cavo bisogna effettuare una piccola azione preventiva applicando una goccia di stagno proprio sulla sua estremità, si tratta di un gesto di primaria importanza al fine di evitare che questa parte (capo) del cavo non vada ad inserirsi nell’altra lamella forata, ma bensì nell’apposita sezione del jack che si comporta come da blocco per il cavo.

È molto importante saldare bene tutte le parti del cavetto e delle lamelle in modo tale da assicurarsi che il funzionamento non abbia poi problemi di interferenze o quant’altro, motivo per il quale bisogna accertarsi che le lamiere non vadano a toccarsi tra di loro.

Che cos’è un adattatore ?

Gli adattatori per giocattoli sono dei piccoli gadget che consentono di poter collegare un sensore un giocattolo dotato di specifico funzionamento On-Off. Acquistandone uno è dunque possibile aiutare un bambino con delle difficoltà motorie di accendere e spegnere un qualsiasi tipo di giocattolo. >

Inoltre i cavetti Adattatori sono dei dispositivi molto economici, oltre che facili da utilizzare, per far rendere il bambino protagonista di varie esperienze relative al controllo dei sensori in particolari situazioni che possono rivelarsi molto piacevoli per lui. È fondamentale assicurarsi bene che i giocattoli in questione siano dotati della funzione on-off altrimenti l’acquisto dell’adattatore si rivelerebbe assolutamente inutile.

Tipologie di adattatori per giocattoli presenti sul mercato

Nel mercato sono presenti tre tipologie di adattatori per giocattolo che ora andremo ad analizzare e ad elencare:

  • tipologie per pile AA e C
  • tipologie per pile D
  • tipologie per pile da 9Volt

Per quanto si tratti di tre tipologie differenti il processo di collegamento del sensore è lo stesso e ora andremo a spiegare come connettere l’adattatore ad un giocattolo, trattandosi comunque di un collegamento che avviene in modo molto semplice.

Detto questo per prima cosa bisogna cercare di aprire l’apposito sportellino del giocattolo, quindi il posto dove sono contenute le pile. Una volta fatto bisogna inserire il dischetto di rame, per chi non lo sapesse è una componente che si trova situata in una delle due estremità dell’adattatore. Una volta fatto procedere con la chiusura dello sportellino. Ora non vi resta altro che collegare il sensore nell’altra estremità, cosi facendo il giocattolo si potrà metterà in moto una volta premuto il sensore.

La loro fascia di prezzo è abbastanza versatile, ma a prescindere dal tipo di prodotto che si sceglie, difficilmente si oltrepassa la soglia massima dei 25 euro. Molto dipende dalla lunghezza del cavo dell’adattatore oltre che da alcuni optional presenti in alcuni modelli che riguardano la resistenza del cavo e del materiale. Tuttavia come abbiamo già detto il tetto massimo di questo prodotto si aggira intorno i 25 euro, ma si possono trovare altri modelli ancora più economici ad un costo molto accessibile che può variare dai 5 ai 10 euro, rimanendo sempre molto efficaci oltre che resistenti.

Amante del web writing e del significato più puro di informazione.

Mi piace scrivere articoli in grado di fornire il maggior numero di risposte al lettore, alimentandone la conoscenza e la consapevolezza.

Con l’illimitata varietà del mercato odierno, la capacità di scelta assume un ruolo fondamentale, aiutare a potenziarla fa parte del mio lavoro

Back to top
menu
miglioriadattatori.it