Come scegliere un adattatore per lampadine: consigli e modelli

Le lampadine sono un elemento fondamentale per la propria abitazione e saperle scegliere è una scelta più complessa di quanto possa realmente sembrare. Quali sono dunque i fattori essenziali per scegliere la migliore lampadina?

Potenza della luminosità

In passato con le vecchie lampadine che andavano ad incandescenza si era abbastanza soliti associare i Watt alla luce che veniva continuamente emessa. Se volessimo fare un piccolo paragone la conoscenza generale implicava che per riuscire ad illuminare un’intera stanza come quella per esempio del soggiorno erano necessari almeno 150W. Con il passare dei tempi e le evoluzioni della tecnologia, al giorno d’ oggi che le vecchie e tradizionali lampadine non le si trovano più nel mercato da circa otto anni. Motivo per il quale bisogna ricorrere all’utilizzo di qualcosa di più specifico come per esempio i lumen.

Presa della lampadina

In secondo luogo andiamo ad analizzare la presa della lampadina, ossia il suo attacco. Sostanzialmente possiamo dire che esistono due differenti tipologie di attacchi delle lampadine che ora andremo ad analizzare:

  1. ALTA TENSIONE
  2. BASSA TENSIONE

Da accompagnare all’analisi dell’attacco della lampadina è sicuramente il fattore legato alla temperatura di colore, ossia un parametro assolutamente fondamentale quando si sta valutando l’ipotesi di volere acquistare una lampadina.

In questo caso il cosiddetto punto di bianco permette di modificare in modo decisamente radicale e drastico l’aspetto della stanza per quel che concerne ovviamente la sua luminosità. Tuttavia l’unità di misura della temperatura di colore sono i cosiddetti gradi Kelvin, i quali a numeri più bassi indicano la corrispondenza di luci decisamente più calde. Se si vuole optare per una scelta di luci neutre possiamo consigliarle bene la cucina, mentre invece le luci calde che hanno la possibilità oltre che la capacità di illuminare l’intera stanza sono un tipo di luce ideale per i lampadari. Inoltre nel mercato si possono trovare un particolare tipo lampadine a calore variabile, ossia una particolare categoria che, senza l’utilizzo di specifici telecomandi fornisce tre diverse temperature di colore.

Attacco delle lampadine, quali sono i fattori da valutare

Abbiamo detto come sia facile farsi sorgere molti dubbi nel momento in cui abbiamo bisogno di sostituire una lampadina chiedendosi continuamente quale tipo di lampadina faccia al caso nostro.
A prescindere che si acquisti una lampadina online o in un negozio abbiamo per forza di cose bisogno di conoscere quale sia l’attacco giusto. Motivo per il quale abbiamo deciso di spiegare qua sotto quali sono le tipologie di attacchi principali delle lampadine, in modo tale da procedere all’acquisto in modo più tranquillo.
Dover acquistare una lampadina online, che ci si trovi sul web oppure in un punto vendita comporta quasi sempre il fatto di doversi confrontare con un grande numero di sigle diverse tra loro per tipologia o funzionalità e, spesso e volentieri, non si capisce bene quale sia il significato di certe sigle e a cosa corrispondano.

  1. E14  sigla utilizzata per indicare lampadine a vite stretta
  2. E27 in questo caso si fa riferimento a lampadine a vite larga
  3. GU10 per tutte le lampadine a blocco
  4. G4 sigla indicante lampadine bispina

Adattatori per lampadine: cosa sono e come scegliere

Talvolta quella di installare le lampadine può rivelarsi un’operazione più difficile e complessa del previsto, motivo per il quale che si può giungere alla scelta di acquistare degli adattatori per lampadine che possono facilitare tutto il processo di installazione. Ma ora andiamo a vedere quali sono le caratteristiche principali di questo tipo di adattatori:

  • Materiale molto resistente che viene nella maggior parte dei casi realizzato in PBT che consente un’elevata resistenza soprattutto alle alte temperature, arrivando a toccare un limite di 165 ° C senza rischiare che si scotti.
  • Processo di installazione molto facile e intuitivo, per il quale è sufficiente riuscire ad avvitare l’adattatore alla presa, per poi cercare di avvitare una lampadina in modo altrettanto semplice.
  • Elevata qualità dei materiali. Della resistenza abbiamo già fatto un accenno, ora però evidenziamo la qualità del rivestimento dei materiali che si dimostra essere la scelta ideale sia per le lampade ad illuminazione a LED che per le versioni alogene o addirittura a filamento.
  • Processo di applicazione, in questo caso si parla della possibilità di scegliere più luci a LED che possano poi adattarsi al dispositivo o alla sua base.
A livello di packaging qualora si avesse scelto quale tipologia di adattatori per lampadine acquistare, quasi tutti i brand che vendono questo tipo di prodotti spediscono delle confezioni contenenti un numero di adattatori che va dai due pezzi fino a due massimo di sei, consentendo al cliente di avere una buona dose di ricambio nel caso si dovessero verificare delle situazioni di necessità.

Inoltre il prezzo di acquisto di questi prodotti è assolutamente economico e permette di portarsi a casa un prodotto ad un costo veramente ragionevole che ha come tetto massimo il prezzo simbolico di 15 euro.

Amante del web writing e del significato più puro di informazione.

Mi piace scrivere articoli in grado di fornire il maggior numero di risposte al lettore, alimentandone la conoscenza e la consapevolezza.

Con l’illimitata varietà del mercato odierno, la capacità di scelta assume un ruolo fondamentale, aiutare a potenziarla fa parte del mio lavoro

Back to top
menu
miglioriadattatori.it